Le grandi farfalle monarca portano in alto  l’entusiasmo solare delle migliori giornate

Rudy Biancardi:
le dita per suonare e per incidere

Rudy e’ un artista completo, delicato e espressivo come le opere che inventa e crea con le sue dita.

I suoi mondi appartengono all’assoluta eccellenza creativa. Il suo foglio e’ duro come la pietra di Lavagna sulla quale incide e interpreta a pieno l’intensita’ della “nostra” Terra quella del popolo genovese.

 

Panorama dall’atelier, dal quale si scorge la Peña alta 430 mt sopra il paese di Bernal

Ho conosciuto “maestro” Rudy nel suo atelier, in una zona che ai piu’ potrebbe sembrare l’ombelico del mondo. Siamo in paesino senza tempo nel cuore dello stato di Querétaro (en el pueblo mágico di Bernal), nel Messico pre-ispanico e coloniale, lontano dal grande turismo di massa. A pochi metri di distanza uno dei piu’ grandi monoliti della Terra. La Peña: un luogo assoluto e ancestrale, ricchissimo di richiami primitivi, antico di 180 milioni di anni formatosi durante il giurassico, ma anche moderni se e’ riuscita ad ispirare (con altri monoliti famosi), la sceneggiatura madre di: “Incontri ravvicinati del terzo tipo”.

Ricordate le persone ossessionate dalla montagna, che continuamente disegnavano ovunque il luogo del contatto?

Rudy Biancardi e’ nato a Genova (la mágica San Fruttuoso) nel Marzo ’52. Sin da giovanissimo si dedica all’arte e partecipa a diverse manifestazioni musicali, nazionali ed internazionali. Infatti Rudy e’ anche un famoso cantautore e potete trovare molto della sua música in internet. Partecipo’ alla finale del Festivalbar ´89. Ha all’attivo ben 5 dischi tutti ascoltabili dall’inizio alla fine.

Una bella rappresentazione dell’ultima cena. I 12 sono frastornati, stupiti, disallineati nel colore tavolta sbagliato della vita, non immaginano il loro destino. Non appartengono ancora al disegno prospettico. Lentamente e con difficolta’ raggiungeranno la sacralita’ bianca e assoluta dello Spirito Santo

L’ardesia e l’opera

e’ tanto semplice quanto netta e complessa, ma la mano di Rudi Biancardi sa “plasmarla” con la sua incisione, nei suoi chiaroscuri, ferma e precisa. Ogni errore rende vana la lavorazione. La pietra di Lavagna (localita’ vicino a Chiavari GE) e’ la tavoletta dove egli allinea il suo sogno. La famosa ardesia, ed eccoci fortemente e nuovamente al richiamo fortissimo dell’elemento pietra (la peña); che cosi fortemente ci accomuna terrestri da levante a ponente.

Nell’immagine di seguito riportata un abbraccio che ne suggella la dichiarazione.

Chi e’ il diverso? Se siamo uno!

Tutta l’opera e’ influenzata dalla simbología precolombiana, che qui assume un livello altissimo d’ispirazione ed eccellenza.

La scultura

Nel mondo di Rudy prende forma anche la scultura, mai banale, viva, definita ed essenziale.

Il caracol di pietra bianca, trasmette magia

 

Da sempre l’uomo costruisce volti a sua somiglianza, le grandi teste degli Olmechi, le gigantesche dell’Isola di Pasqua: misteri affascinanti. Ma forse e’ proprio l’uomo il mistero piu’ grande e Rudy lo sa

Rudy Biancardi dopo un concertó

Il pensatore ispirato dai grandi dilemmi della vita. Non possiamo sapere quale sara’ la decisione. Noi vediamo l’Uomo.

Cosa guardiamo in questa immagine molto ispirata? I gozzi? Uno splendido profilo di donna sull’arena? No le reti! Vere protagoniste della scena di Rudy. Indispensabili e assolutamente non marginali, vivono avvolgendosi, mai disordinate, come le curve della donna.

 

Si sa che ogni lupo predilige il branco. Ma ogni lupo ulula alla sua luna.

Ogni foto e’ di gentile concessione dell’autore. Testi e improvvisazione critica Andrea Bolfi